Il primo portale  italiano  sulla piscina - Qui puoi trovare: > un Forum aperto > articoli tecnici > aggiornamenti sul settore per una community di professionisti e appassionati

Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Varie
  • Pagina:
  • 1

ARGOMENTO: Tipologia di piscina

Tipologia di piscina 2 Mesi 4 Settimane fa #28690

  • dgvix
  • Avatar di dgvix Autore della discussione
  • Offline
  • Nuovo
  • Nuovo
  • Messaggi: 2
  • Ringraziamenti ricevuti 0
Salve a tutti,
vorrei avere un po' di consigli dai più esperti.
Sono in procinto di acquistare una nuova villa in costruzione vicino Roma e avendo un bambino disabile di 3 anni sto pensando di far costruire una piscina dove poter fare un po' di riabilitazione. Per adesso la farei predisporre con il riscaldamento dell'acqua per poi far collegare una pompa di calore il prossimo anno.

Veniamo ora alla scelta della piscina.
La piscina che vorrei costruire non è molto grande e dovrebbe coprire un area di 32-36 mq.
Finora ero orientato verso una piscina tradizionale(8x4 o 9x4 a skimmer in calcestruzzo armato con un costo abbastanza elevato) . Poi sono venuto a conoscenza delle piscine biodegn e sono molto propenso verso queste ultime per i seguenti motivi :
-visto che mio figlio durante la terapia beve spesso e sta con gli occhi aperti l'assenza di cloro renderebbero le sedute più salutari
-da quanto letto le piscine naturali presentano una temperatura dell'acqua mediamente più elevate (per lo scambio di calore con la pietra) e quindi più indicata alla riabilitazione
- essendo in attesa di altri 2 gemelli la naturalità della conformazione della piscina ,con un degrado graduale della profondità, renderebbe più sicura la presenza dei bambini nei paraggi.

Di contro ho letto che occorre dedicare molto tempo alla manutenzione, che c'è maggiore probabilità di presenza di alghe, che non credo siano tossiche, e con la mia situazione questo mi spaventa molto.

Cosa mi consigliate?

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tipologia di piscina 2 Mesi 4 Settimane fa #28692

  • MarcoR
  • Avatar di MarcoR
  • Offline
  • Amministratore
  • Amministratore
  • Messaggi: 1748
  • Ringraziamenti ricevuti 283
Intanto benvenuto nel forum.
Al di là dei "sentito dire" oppure dei "ho letto su internet", io non perderei il focus sulle sue esigenze concrete.
La realizzazione di una piscina deve tener conto di queste esigenze e, in particolare nel suo caso, la riabilitazione ha un carattere importante.
Non entro nel merito della filosofia Biodesign, ma premetto che non esiste una piscina in cui si possa evitare il trattamento chimico, salvo una piscina che attraverso un equilibrio biologico eviti il trattamento.
E' però difficile (direi impossibile) da raggiungere e da mantenere, in particolare alle latitudini di Roma, e in dimensioni (superficie e volume) ridotte. Inoltre biologico significa accettare la presenza di piante ed animali in acqua, esattamente come in un laghetto.
Qui avevo affrontato l'argomento: www.latuapiscina.it/tecnica/94-piscine-biologiche.html

Premesso tutto questo, una struttura in cemento armato ben progettata, con accessi facilitati da una scala interna, e magari accessori tipo un nuoto controcorrente, risponderanno sicuramente meglio alle sue esigenze, facilitando anche l'idea futura di riscaldare l'acqua, perchè una forma regolare sarà più semplice da coprire (necessario un telo di copertura se si vuole mantenere la temperatura).
Anche in una piscina tradizionale si possono utilizzare sistemi di disinfezione alternativi al cloro, come l'ossigeno o altro.
Infine, l'aspetto sicurezza.
Senza sorveglianza nessuna piscina è sicura per i bambini, peggio ancora se ci si illude che una profondità graduali salvi dai rischi.
Questo peggiora la percezione (sua e dei bambini) del reale pericolo.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

1) Leggete il Regolamento del Forum!
2) Usate la funzione "Cerca" .
3) Consultate prima la sezione Documenti

Tipologia di piscina 2 Mesi 4 Settimane fa #28694

  • dgvix
  • Avatar di dgvix Autore della discussione
  • Offline
  • Nuovo
  • Nuovo
  • Messaggi: 2
  • Ringraziamenti ricevuti 0
Grazie della risposta ma forse mi sono espresso un po' male.
Da quello che avevo letto le piscine biodesign hanno sistemi di filtrazione uguali delle piscine tradizionali e ciò che le differenzia è la forma più naturale con fondale degradante, che personalmente ritengo molto più sicuro di quello tradizionale , la modalità e i materiali di costruzione e quindi hanno poco a che vedere con le biopiscine .

La mia idea era quella di adeguare una piscina biodesign con impianto di filtrazione non al cloro(elettrolisi o sistemi con ossigeno) , non utilizzando piante per fitodepurazione. Quello che non so è se tali sistemi siano adeguati per tali tipologie e se queste richiedano di default di una manutenzione.

Grazie

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tipologia di piscina 2 Mesi 4 Settimane fa #28695

  • MarcoR
  • Avatar di MarcoR
  • Offline
  • Amministratore
  • Amministratore
  • Messaggi: 1748
  • Ringraziamenti ricevuti 283

dgvix ha scritto: Grazie della risposta ma forse mi sono espresso un po' male.
Da quello che avevo letto le piscine biodesign hanno sistemi di filtrazione uguali delle piscine tradizionali e ciò che le differenzia è la forma più naturale con fondale degradante, che personalmente ritengo molto più sicuro di quello tradizionale , la modalità e i materiali di costruzione e quindi hanno poco a che vedere con le biopiscine .

La mia idea era quella di adeguare una piscina biodesign con impianto di filtrazione non al cloro(elettrolisi o sistemi con ossigeno) , non utilizzando piante per fitodepurazione. Quello che non so è se tali sistemi siano adeguati per tali tipologie e se queste richiedano di default di una manutenzione.

Grazie

Non discuto i gusti personali, posso solo limitarmi a valutazioni tecniche.
Se il punto è una maggiore sicurezza, confermo quanto già detto, non è così e, a mio avviso, una soluzione del genere è ancora più pericolosa perchè sottovaluta e fa sottovalutare i rischi e il pericolo reale.
Quello che posso dire, è che una superficie porosa o comunque non liscia è molto più difficile da tenere pulita e da pulire rispetto ad una superficie liscia e non porosa.
Ne consegue ovviamente che è necessario più impegno e più manutenzione.
Su altro non mi esprimo, in passato abbiamo già avuto problemi con diffide e altro a causa di esperienze negative di utenti con queste ed altre tipologie di piscine, per cui evito di dare giudizi, non per timore, ma perchè non ho e non voglio dedicare tempo a cause legali inutili.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

1) Leggete il Regolamento del Forum!
2) Usate la funzione "Cerca" .
3) Consultate prima la sezione Documenti

Tipologia di piscina 2 Mesi 3 Settimane fa #28712

  • luigi_67
  • Avatar di luigi_67
  • Offline
  • Moderator
  • Moderator
  • Messaggi: 1841
  • Ringraziamenti ricevuti 234
Concordo con quanto dice MarcoR relativamente al fatto che una piscina progettata in modo che sia adatta ale esigenze specifiche e accessoriata con quanto si ritiene necessario sia la soluzione migliore.
Poi ovviamente son gusti e scelte, anche la tipologia di piscine citate possono essere una soluzione ma in genere risultano un po' più "delicate" da gestire rispetto alle piscine tradizionali.
Il consiglio che posso dare è quello di rivolgersi ad aziende in zona e farsi fare proposte e preventivi prevedendo magari anche tipologie di impianti differenti tra loro e vedere alla fine quella che convince di più...

Un saluto
Luigi

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Area con articoli tecnici:

www.latuapiscina.it/Area-Tecnica/
  • Pagina:
  • 1
Tempo creazione pagina: 0.073 secondi

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti ai feed del forum

RSS-Feed-icon

Vai all'inizio della pagina